Intervento di Enio Drovandi (8 Giugno 2008)

Enio Drovandi nasce a Pistoia, il 15 Settembre del 1954 (Vergine). E' noto ai più per aver preso parte ad alcuni dei prodotti simbolo della commedia all'italiana degli anni '80, fra cui il film "Sapore di mare" (1983), di Carlo Vanzina, e la serie TV "I ragazzi della 3 C" (1987/88/89), di Claudio Risi. Attualmente, oltre a recitare nei teatri di tutto il paese, occupa il ruolo di direttore del casting.

L'incontro è stato piacevole, e ben supportato dal grande entusiasmo che si sentiva venire emanato da un gruppo di ragazzi, tutti rigorosamente fan del serial divenuto ormai Cult: "I ragazzi della 3 C".

La cosa che mi ha maggiormente colpito, è stata l'età.
Eh sì, gli anni di questi giovani, rigorosamente sotto i venticinque, salvo un paio di eccezioni, di trenta, mi portavano a chieder loro come facevano ad essere così informati su date, personaggi, luoghi di ripresa (ed altro ancora) di tutte e tre le serie! Anche perchè quando questo serial andava in onda loro avevano al massimo tra i cinque e gli zero anni!
Sì, perchè qualcuno nemmeno era nato!

Quando accadono queste cose, capisci da te la potenzialità della tecnologia di oggi, che rende attuali anche opere, fatti o misfatti successi decenni prima.

"I ragazzi della 3 C", grazie alle innumerevoli repliche, e ad un sempre maggior numero di estimatori di un genere di film e telefilm targati anni '80/'90, sono tutt'oggi attualissimi. Certo non è nemmeno da trascurare, e forse è questa la vera alchimia del successo senza tempo, la scelta di personaggi azzeccatissimi, diventati familiari come gli amici o i parenti che ci accompagnano attraverso la nostra adolescenza, ma anche grazie ad una sceneggiatura mai banale nella sua semplicità, oppure alla voglia di assaporare un momento storico (gli anni '70/'80) che stava finendo e che portava via con sé un Mondo fatto ancora di sogni genuini che di lì a poco si sarebbe perduto. Così mi sono trovato con questi ragazzi in una calda mattinata romana, che per ironia della sorte è coincisa con l'ultimo giorno di scuola e con gli scolari, come da prassi, a fare gavettoni e a dar un bonario fastidio alle compagne di classe... Quasi una terza C in diretta stil anni 2000!! Bella emozione, soprattutto bella col cuore... e tra un aneddoto e un po' di foto fatte assieme, sono rientrato alla mia vita. Sì, ho scritto rientrato perché momenti così fanno bene a chiunque e ti immettono fuori dal Mondo, trasportandoti in un tempo indefinito che è quello dei ricordi e dei giorni felici. Quindi grazie ragazzi da parte di Enio Drovandi o, se preferite... Totip, il barista dei ragazzi della terza C!

Mi è stato chiesto un pensiero su Nicoletta Elmi.
Beh, di lei ho ricordi lontani, anche perché non ci siamo più visti, ma rammento con piacere una collega, questo sì che lo ricordo bene, estremamente precisa e puntuale sul set. Puntigliosa nel cercare di dare anima al suo personaggio. In poche parole una vera professionista, che salvo rare eccezioni, in quel gruppo, non aveva molti pari. Ma chissà... anche questo fa parte del misterioso mixage di quel grande successo televisivo. In alcune occasioni, tramite altre persone, ci siamo mandati dei saluti e ora ci siamo scritti un'e-mail molto carica di affetto da ex colleghi che si sono stimati. Di sicuro Nicoletta sarebbe, in una rimpatriata, il personaggio che desterebbe più curiosità di tutti. Sia per il ruolo che interpretava, sia per la sua definitiva uscita di scena dal mondo dello spettacolo.

Enio Drovandi.